Rotazioni alla Regione, smantellato il settore delle autorizzazioni di impatto ambientale

Su circa trecento dipendenti del dipartimento, a lasciare i loro uffici sono 88, tra funzionari e dirigenti. Ma ora il rischio è che si venga a bloccare uno dei settori chiave dell'amministrazione

PALERMO. Partono i trasferimenti dei regionali dell'assessorato all'Ambiente, in ossequio alla maxi rotazione voluta dal presidente Crocetta. Su 69 dipendenti che verranno spostati, per una cinquantina, nell'omonimo dipartimento, sono arrivati i provvedimenti firmati dal capo del Personale, Giovanni Bologna. Lunedì il direttore generale del dipartimento all'Ambiente, Giovanni Arnone, firmerà le notifiche. Per i dirigenti, invece, la procedura è più complicata, perché in attesa di un nuovo incarico rimangono a disposizione della Funzione pubblica.
Su circa trecento dipendenti del dipartimento, a lasciare i loro uffici sono 88, tra funzionari (69) e dirigenti (19). In sostanza, è stato smantellato un intero settore, quello che si occupa del rilascio delle autorizzazioni di impatto ambientale Via-Vas, il via libera più importante per le imprese che vogliono realizzare stabilimenti o modernizzare gli impianti industriali, ma anche per le amministrazioni pubbliche. Il rischio è che si venga a bloccare uno dei settori chiave dell'amministrazione. Inoltre, dal primo gennaio non sono stati rinnovati i contratti ai 41 collaboratori a progetto, dopo che il Commissario dello Stato ha impugnato la norma che promulgava i rapporti di lavoro ai precari degli enti locali. Ma il direttore Arnone spiega che «come soluzione tampone, il personale verrà sostituito con funzionari interni, anche se ci vorrà tempo per formarli. Prima possibile abbiamo bisogno di tecnici».
UN SERVIZIO SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati