Fontanarossa, i sindacati: "No al declassamento"

CATANIA. I segretari generali di Cgil, Cisl, Uil e Ugl di Catania Angelo Villari, Rosaria Rotolo, Angelo Mattone e Carmelo Mazzeo in una nota «respingono con forza il tentativo di declassamento dell'aeroporto di Catania, che passerebbe così dal Core network al Comprehensive network, con il conseguente, concreto rischio di perdere importanti linee di finanziamento e danneggiandone di fatto il reale valore». I quattro segretari generali stamane a Catania hanno partecipato ad un incontro organizzato dal sindaco Raffaele Stancanelli sul rischio declassamento dello scalo. Villari, Rotolo, Mattone e Mazzeo sottolineano che «il sistema aeroportuale della Sicilia orientale rappresentato dagli scali di Catania e Comiso si trova in una fase che necessita di un fattivo rilancio e non certo di un brusco declassamento» aggiungendo che l'aeroporto etneo rappresenta «un'infrastruttura fondamentale per il territorio, il volano di sviluppo, concreta e percorribile opportunità di crescita per imprese, lavoratori e territorio attraverso l'integrazione strutturale del sistema che deve mettere insieme Catania e Comiso». «Riteniamo giusta - concludono i quattro segretari - la richiesta urgente di incontrare il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti su questi temi per mettere in sicurezza gli investimenti il territorio ed i lavoratori. Allo stesso tempo è importante evitare di correre il rischio di una privatizzazione affrettata prima che sia indicato il valore aeroportuale complessivo degli scali siciliani orientali».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati