Arriva il primo consulente: la Vancheri firma l’incarico

L'avvocato palermitano Andrea Ciulla è il primo consulente dell'era Crocetta. Il suo incarico è iniziato lo scorso 18 gennaio: fino al prossimo 17 luglio si occuperà di «consulenza giuridica per le materie di pertinenza dell'assessorato regionale alle Attività produttive», per un importo al lordo di 14.997,85 euro

PALERMO. L'avvocato palermitano Andrea Ciulla è il primo consulente dell'era Crocetta. Il suo incarico è iniziato lo scorso 18 gennaio: fino al prossimo 17 luglio si occuperà di «consulenza giuridica per le materie di pertinenza dell'assessorato regionale alle Attività produttive», per un importo al lordo di 14.997,85 euro. Compiti che Ciulla svolge comunque da circa tre anni: risale al 2010 uno dei primi incarichi al fianco di Marco Venturi, poi rinnovato più volte per un compenso totale di circa 45 mila euro lordi. Il nuovo assessore, Linda Vancheri, ha confermato la fiducia al giovane avvocato. Tra le intenzioni del presidente della Regione, Rosario Crocetta, c’era quella di bloccare, tranne in casi particolari, le consulenze esterne a Palazzo d’Orleans, costate oltre 8 milioni durante il governo Lombardo. Ma Vancheri motiva la sua scelta: «Bisogna fare una distinzione fondamentale - spiega - tra l'amministrazione e l'operato dell'assessore all'interno del gabinetto, dove ha una responsabilità politica ed è chiamata a firmare una miriade di documenti che interessano anche la gestione di spese pubbliche. Per cui ogni assessore - prosegue - può avvalersi personalmente della consulenza di fiducia di un avvocato, nel caso di Ciulla preparatissimo, che lo deve garantire fungendo da filtro tra l’assessorato e l’amministrazione». Ri. Ve.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati