Sindacati: la vertenza Siremar non è conclusa "Si continui a trattare per tutelare gli oltre 400 lavoratori"

In campo le segreterie regionali di Filt Cgil, Fit Cisl e Uil Trasporti: «È fondamentale la disponibilità dell'azienda al raggiungimento di un accordo che contenga tutte le nostre proposte. In mancanza di ciò, si rischia di determinare lo stato di agitazione e lo sciopero di tutti i lavoratori delle Siremar Compagnia delle Isole»

CATANIA. Le segreterie regionali di Filt Cgil, Fit Cisl e Uil Trasporti, ritengono «non conclusiva l'ipotesi di accordo sulla vertenza Siremar-Compagnia delle Isole», e, in una nota firmata dai segretari generali e di settore Franco Spanò, Amedeo Benigno, Angelo Mattone, Vito Reale, Franco Lo Bocchiaro e Franco Perasso, chiedono «la prosecuzione della trattativa per salvaguardare il servizio, gli oltre 400 lavoratori, i cittadini e scongiurare iniziative sindacali di protesta». «Riteniamo necessario - spiegano i sindacalisti - percorrere ogni tentativo per raggiungere con la controparte un'intesa che, nel rispetto dell'accordo del 19 dicembre 2011, possa essere condivisa da tutti i lavoratori e possa costituire lo strumento di rilancio della ex Siremar, indubbiamente penalizzata dal lungo periodo di amministrazione straordinaria. C'è la
disponibilità alla trattativa per il superamento delle diseconomie aziendali, ma senza discriminazioni e con l'obiettivo di tutelare l'occupazione e i livelli retributivi». «È pertanto fondamentale - conclude la nota sindacale -la disponibilità dell'azienda al raggiungimento di un accordo che
contenga tutte le nostre proposte. In mancanza di ciò, si rischia di determinare lo stato di agitazione e lo sciopero di tutti i lavoratori delle Siremar Compagnia delle Isole».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati