Mafia, sequestro di beni da due milioni a un boss nisseno

Operazione della Dia: nel mirino imprese edili e agricole, terreni, fabbricati e rapporti bancari riconducibili a Giovanni Priviteri, 57 anni, di Vallelunga Pratameno, ritenuto un capo della mafia del Vallone

CALTANISSETTA. La Direzione investigativa antimafia di Caltanissetta ha sequestrato imprese edili e agricole, terreni, fabbricati e rapporti bancari per un valore di 2 milioni di euro riconducibili a Giovanni Privitera, 57 anni, originario di Vallelunga Pratameno (Caltanissetta), ritenuto un capo della mafia del Vallone.    
Le indagini patrimoniali condotte dalla Dia hanno accertato una sproporzione tra i redditi dichiarati e le spese sostenute da Privitera che è anche sottoposto alla misura di prevenzione personale dell'obbligo di dimora. A carico del destinatario del sequestro le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia Antonino Giuffré e Ciro Vara e una serie di pizzini del boss Bernardo Provenzano in cui ci sono diversi riferimenti a Privitera.    
Tra le aziende sequestrate, un'impresa edile che, solo nel 2002, nel comune di Vallelunga Pratameno, ebbe 65 lavori attraverso aste pubbliche, cottimi fiduciari, trattativa privata e somme urgenze. Oltre alla società edile, il sequestro ha riguardato un'impresa agricola, due magazzini che si trovano a Vallelunga e Polizzi Generosa, un fabbricato composto da quattro immobili, 12 terreni, quattro rapporti bancari e un'auto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati