San Luca, assegnati locali e campetto

Comitati civici e amministrazione tornano a collaborare dopo i silenzi e le critiche degli ultimi mesi

CALTANISSETTA. Ieri pomeriggio l’incontro del sindaco Michele Campisi e della consulente del primo cittadino Pina Frazzica con i responsabili dei comitati di quartiere della città nel tentativo di dare risposte alle loro pressanti richieste. E’ il secondo faccia a faccia tra amministrazione comunale e presidenti e responsabili dei comitati di quartiere. Una prima risposta del sindaco è arrivata tramite l’assessore allo Sport Gaetano Angilella, il quale ha rinnovato la convenzione con il Comitato di quartiere e la parrocchia San Luca, relativa al campetto di calcetto e alla sede del Comitato di quartiere, stipulata nel 2010.

Un accordo triennale che scadeva il 29 Gennaio 2013. Il campetto, gestito dal Comitato di quartiere e dalla parrocchia, in questi anni è stato l'unico agibile della città. A garantire la manutenzione e la pulizia sono stati i ragazzi del quartiere e della parrocchia sotto la supervisione del parroco e del direttivo del Comitato. Un investimento a costo zero per il Comune che ha visto tanti sportivi nisseni di tutte le età animare tornei a diversi livelli.

Il campetto si è rivelato determinante per la realizzazione del Grest 2012 che ha visto la partecipazione di 460 bambini e 140 giovani animatori. Il primo incontro ufficiale con l’Amministrazione comunale si è svolto nel mese Gennaio di due anni addietro. In quell’occasione i comitati di quartiere avevano proposto un documento programmatico relativo non soltanto alle iniziative da attuare nei quartieri ma le problematiche che investivano l’intera città. Un’intesa che avrebbe visto collaborare tutti insieme società civile e Amministrazione con il coinvolgimento di altri enti quali Agenzie del territorio, Esa, Forestale e Ato Ambiente.

Sempre in quella occasione e anche di recente i quartieri avevano formulato dodici richieste una per ogni Comitato, chiedendo risposta scritta entro il 31 dicembre scorso per capire se le iniziative individuate dai comitati di quartiere sarebbero state prese in considerazione. La risposta del sindaco è arrivata solo nei giorni scorsi con la convocazione del coordinamento dei quartieri avvenuta nel pomeriggio di ieri. Tra le richieste l’affidamento dello slargo, di fronte all’Enel dove è stato realizzato “il Giardino della legalità” con la messa a dimora di quaranta querce per ricordare i morti di mafia (uomini dello stato, giudici, giornalisti). Alberi innaffiati e curati amorevolmente dai cittadini del quartiere San Luca.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati