L’esperto: «Importante dedicare tempo al loro svago»

PALERMO. Aumentano i cani con disturbi comportamentali, divisi fra i due estremi: cuccioli iperattivi e quelli troppo silenziosi o demotivati. «A Palermo per esempio - spiega il veterinario Luisa Li Vecchi - ci sono tanti casi di cagnolini con patologie comportamentali o sono troppo irrequieti o sono talmente annoiati da essere ansiosi, fobici e qualche volta anche depressi. Tra i sintomi: noia e comportamenti sostitutivi, per esempio si leccano in continuazione la zampetta». La soluzione è una sola: investire più tempo nel rapporto con il proprio animale, giocare insieme a lui, aumentare le occasioni d'incontro con gli altri cani. Tutte attività salutari per il cucciolo, perché «i cani sono animali sociali e hanno bisogno del contatto diretto e dell'affetto dei loro padroncini e dei loro simili. Molto spesso, invece, ci si limita a dedicargli giusto cinque minuti per la consueta passeggiatina. Neanche quello, invece, per i cani che vivono in giardino e che escono ancora meno». Importantissimo è per esempio il contatto con gli altri co-specifici nei primi quattro mesi di vita del cane per abituarlo agli stimoli del nuovo ambiente e imparare le regole comportamentali di quel contesto. «Imparano per esempio alcuni codici comunicativi meta verbali e intraspecifici».


A. S.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati