La fiducia di Maran: “Roma forte ma noi vogliamo vincere”

“In noi c’è ancora tanto rammarico per non aver vinto all’andata”, dice il tecnico alla vigilia della sfida contro i giallorossi di Zeman

CATANIA. Terzo tentativo. Bloccato sul pari in campionato dal Torino ed eliminato in Coppa Italia dalla Lazio, il Catania rimette nel mirino la prima vittoria nel 2013 e lo fa ospitando la Roma, avversaria sempre piuttosto stimolante e contro la quale vanta una lunga tradizione casalinga favorevole.    «Ripartire con il piede giusto è importante - spiega il tecnico Rolando Maran - ma chi parla di necessità di riscatto è fuori strada. Siamo reduci da un pareggio ottenuto giocando per ottanta minuti in inferiorità numerica, un risultato che vale più di una vittoria, anche in ragione della prova offerta dal gruppo nella circostanza». «Salvo qualche rara eccezione - aggiunge l'allenatore rossazzurro - la squadra ha sempre offerto prestazioni all'altezza e anche i punti messi da parte rappresentano un bottino considerevole. Per restare su questi standard bisogna conservare la voglia di migliorare. Quando diamo il massimo possiamo giocarcela con tutti, ma non dobbiamo perdere neppure l'uno per cento della nostra intensità».Con la Roma, nella prima giornata di campionato, il Catania sfiorò il colpaccio, sfumato soltanto in pieno recupero, quando i giallorossi acciuffarono il pari con Nico Lopez e poi rischiarono grosso sulla traversa colpita da Castro qualche istante dopo. «Ricordo il rammarico negli spogliatoi per l'epilogo poco fortunato della gara - dice Maran - e spero che ci dia ulteriori motivazioni. La Roma? Sappiamo quanto può essere pericolosa. Sarà importante mantenere compattezza, equilibrio e i tempi di giocata giusti».    Requisito, quest'ultimo, da cercare nonostante l'assenza del regista Francesco Lodi, fermato per tre giornate dal giudice sportivo dopo l'evitabile espulsione rimediata in avvio di partita contro il Torino. «Ho un paio di soluzioni - garantisce Maran - per rimpiazzare Lodi. Al suo posto posso schierare almeno due-tre giocatori, seppur dalle caratteristiche diverse». Il tecnico rossazzurro opterà per Almiron in regia inserendo Salifu in mediana. Per il resto, confermati i titolari schierati contro il Torino. Alvarez, fermo dalla trasferta di Pescara a causa di un infortunio muscolare, ha recuperato e figura tra i 23 convocati, ma partirà dalla panchina.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati