Grillini all’Ars, restituiti 123 mila euro

E’ circa il 70 per cento delle indennità di dicembre. I parlamentari hanno trattenuto 2500 euro a testa. “Questi soldi devono tornare ai siciliani per il lavoro”, dice il capogruppo del Movimento Cinque Stelle Cancelleri

PALERMO.  I 15 deputati regionali siciliani del Movimento cinque stelle hanno restituito al conto dell'Assemblea regionale siciliana 123.495 euro, tra indennità e rimborso spese, che avevano avuto con la prima busta paga, circa il 70%. Lo ha detto il capogruppo Giancarlo Cancelleri in conferenza stampa trasmessa anche in diretta su: http://www.ustream.tv/channel/m5s-sicilia2. I parlamentari hanno tenuto 52.380 euro che corrispondono a  2500 euro cadauno come indennità più le spese realmente sostenute per la loro attività. Anche le maggiorazioni delle indennità di alcuni deputati come il vicepresidente dell'Ars o i vicequestori o vicepresidenti commissioni sono state lasciate all'Ars. Cancelleri ha detto di aver calcolato col gps i chilometri effettivamente percorsi per l'attività parlamentare e per raggiungere da casa sua, a Caltanissetta, palazzo dei Normanni a Palermo. «La mia busta paga era di 11.725 euro - ha detto - e ho tenuto 2500 euro come indennità oltre a 630 euro tra benzina e spese per alloggio».  Speriamo - hanno detto i deputati regionali M5s - che il nostro esempio sia seguito dagli altri parlamentari se non si vuole evitare lo scollamento definitivo con la gente in un momento di crisi come questo. I parlamentari hanno detto che i soldi restituiti all'Ars dovranno fluire su un fondo per il microcredito destinato alle piccole imprese con meno di dieci dipendenti. «Questo soldi - ha detto Cancelleri - devono tornare ai siciliani per il lavoro. Le “eccellenze” non devono andare via dalla regione». 
Il fondo per il microcredito per le imprese, è previsto dall'articolo 28 dalla legge di stabilità che Sala d'Ercole dovrà approvare entro aprile. I Cinquestelle hanno anche spiegato che il fondo sarà gestito dall'assessorato regionale alle attività produttive.
"Oggi è il restitution day, che è stato il nostro cavallo di battaglia durante la campagna elettorale - ha detto Cancelleri - Dodici o tredicimila euro al mese sono troppi in un momento di crisi come questo". I deputati hanno fornito ai giornalisti le busta paga e relativi bonifici di 3 parlamentari su 15 e un disegno di legge per eliminazione dell'obbligo di parificazione dei deputati regionali a quello dei parlamentari nazionali.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati