Calcioscommesse, «ai giocatori del Bari 140 mila euro per perdere col Palermo»

E’ quanto emerso da uno dei tre avvisi di conclusione delle indagini. Per perdere la partita contro il Palermo, tre calciatori baresi hanno incassato 30 mila euro a testa. Offerti 50 mila euro a Masiello per “aggiustare” Bari-Sampdoria

BARI. Per perdere le partite di serie A del campionato 2010/2011 Palermo-Bari e Bari-Sampdoria alcuni calciatori biancorossi - secondo l'accusa - incassarono complessivamente 140.000 euro. È quanto emerge da uno dei tre avvisi di conclusione delle indagini fatti notificare dalla procura di Bari a 36 persone. Per perdere l'incontro Palermo-Bari (2-1) del maggio 2011 i calciatori biancorossi Alessandro Parisi, Marco Rossi e Simone Bentivoglio - secondo l'accusa - accettarono la somma di 30mila euro ciascuno da Hristian Ilievski e da altre persone rimaste ignote, anche grazie alla mediazione dell'ex calciatore biancorosso Andrea Masiello (che ha già patteggiato la pena) e del tuttofare barese Angelo Iacovelli. I patti prevedevano la vittoria del Palermo con un punteggio che registrasse più di tre goal complessivi. La combine della partita di serie A Bari-Sampdoria (0-1) dell'aprile 2011 fu pianificata - secondo l'accusa - dopo che il calciatore della Samp Stefano Guberti, «in concorso con altre persone allo stato ignote», offrì circa 50mila euro al calciatore biancorosso Andrea Masiello e «agli altri calciatori del Bari partecipanti all'incontro», al fine di far vincere la Sampdoria.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati