Disoccupazione, in Sicilia il tasso sfiora il 20 per cento

Nelle previsioni per il 2013 di Unioncamere e Prometeia, peggio solo la Calabria. Si allarga il divario fra mezzogiorno e media nazionale

ROMA. Tasso di disoccupazione in salita per il 2013 all'11,4% nella media nazionale e con un divario ancora più ampio a livello territoriale, con il mezzogiorno al 17,9% e dunque un gap di 6,5 punti percentuali. Al top è la Calabria, con un tasso previsto sopra il 20% (al 20,6%), seguita da Sicilia (19,6%) e Campania (19,3%). Livelli assai lontani dalla regione che, al contrario, si appresta a contare il minor numero di senza lavoro: il Trentino Alto Adige con il 5,8%. È quanto emerge dalle previsioni degli 'Scenari di sviluppo delle economie locali italiane realizzati da Unioncamere e Prometeia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati