Concorso a titoli per stabilizzare altri 44 precari

Il bando è stato pubblicato ieri. Le domande potranno essere presentate fino al 13 gennaio

CALTANISSETTA. Avviata la macchina comunale per la stabilizzazione del personale precario tramite il bando di concorso per soli titoli pubblicato ieri mattina. Già da ieri e fino al prossimo tredici gennaio i candidati potranno presentare le relative istanze di partecipazione. Il concorso si svolgerà per soli titoli e non, come era stato previsto in precedenza «per titoli ed esami». La variazione, proposta con apposita delibera da parte del dirigente delle Risorse Umane, Ippolito Cucchiara, si è resa necessaria per adeguare i criteri di assunzione dei precari del comuni con quelli della Regione che prevede appunto il concorso per soli titoli.

Una vera formalità insomma, che consentirà a tutti precari di rinnovare il contratto di lavoro a tempo indeterminato e con l’attuale qualifica che rivestono. Si tratta complessivamente di quaranta quattro dipendenti comunali, tra cui diciassette vigili urbani. Qualche anno addietro erano stati assunti a tempo indeterminato altri precari in forza della opzione che prevedeva per la loro stabilizzazione tramite il declassamento dalla categoria di appartenenza a quella immediatamente inferiore. Un declassamento che ha consentito loro di ottenere un contratto a tempo indeterminato a ventisei ore settimanali, anche se di recente con una nuova proposta di delibera la giunta ha deliberato l’aumento di due ore settimanali per tutti a partire dal primo novembre scorso.

Il bando di concorso appena pubblicato che riguarda, come detto, quaranta quattro lavoratori precari, di cui cinque istruttori direttivi amministrativi (categoria D/D1), diciassette di agenti di Polizia Municipale (categoria C/C1), ventuno istruttori amministrativi (categoria C/C1) e un posto di vigilatrice d’infanzia (categoria C/C1), tutti con contratto a tempo indeterminato part-time a 28 ore settimanali. Il punteggio per i prossimi concorrenti precari che dovranno essere stabilizzati prevede una percentuale alta, per ogni mese di lavoro svolto, tanto da vanificare in pratica e preclude la possibilità ad altri dipendenti che hanno e prestano attualmente servizio in altri comuni di partecipare al concorso, perché si troverebbero la strada sbarrata dalla somma dei punti assegnati per ogni mesi di lavoro svolto dagli attuali precari. Insomma una sorta di escamotage per dire ad eventuali concorrenti, di stare alla larga dal concorso, pur in presenza di maggiori titoli.

Alla procedura selettiva può partecipare il personale non dirigenziale ex Lsu. Per i posti di categoria D è previsto il diploma di laurea; per i posti di categoria C il diploma di istruzione superiore. È anche richiesto il requisito dell’anzianità di servizio pari a tre anni, anche non continuativi, maturati in forza di contratti stipulati anteriormente alla data del 28 settembre del 2007 e di contratti stipulati nel quinquennio anteriore alla data di entrata in vigore della legge 296 del 2006 per i posti di agente.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati