Dall’orecchio si può agire per curare tutto il corpo

PALERMO. L’auricoloterapia è una branca della medicina tradizionale cinese basata sull'idea che l'orecchio riproduce in piccolo l'intero organismo umano, per cui ogni parte di esso corrisponde a una del nostro organismo. Essa utilizza il concetto del microsistema. L’idea è quella che l’orecchio sia un feto rovesciato: in basso abbiamo la parte della testa e poi salendo lungo il bordo del padiglione auricolare abbiamo la schiena le vertebre, le braccia e le gambe. Con il trattamento di una parte di esso si può andare ad agire sulla parte corrispondente dell’organismo.
«Si può agire utilizzando o dei piccoli aghi che posso essere messi per circa 30 minuti – spiega la dottoressa Roberta Calò - oppure utilizzando dei piccoli semini o delle sferette magnetiche applicate con dei cerottini che vengono lasciati a permanenza. Il paziente poi massaggerà il punto dove è applicato il semino. Questo tipo di terapia è utilissima per le patologie in acuto; chi è alle prese con un mal di schiena o un mal di testa per esempio può ottenere ottimi risultati anche nell’immediato. Per le patologie croniche si è visto che si hanno dei benefici soprattutto per curare il dolore e si ha un sollievo fin dalle prime applicazioni. Il ciclo completo è di 8 o 10 sedute».
L’auricoloterapia a Palermo è praticata da una decina di specialisti e il costo è di 20 euro a seduta. S.I.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati