Sicilia, Politica

Berlusconi: sbagliata la cura del Professore

L’ex premier: "L'agenda Monti non è che la continuazione della politica del Governo tecnico, su ispirazione della Germania. Una cura sbagliata, che ha portato ai numeri che conosciamo, con risultati negativi"

ROMA. "L'agenda Monti non è che la continuazione della politica del Governo tecnico, su ispirazione della Germania. Una cura sbagliata, che ha portato ai numeri che conosciamo, con risultati negativi". Lo afferma il leader del Pdl, Silvio Berlusconi, in un'intervista che sarà trasmessa stasera al Tg4.
"Tutto dipende – dice il Cavaliere - da cosa faranno gli italiani. Nessuno può portare l'Italia fuori dalla crisi, se non avrà la maggioranza in Parlamento. Se si continuerà a dare il voto frazionato ai piccoli partiti, resteremo pressappoco nella situazione di adesso".
E ancora: "Se il Pdl dovesse avere la maggioranza" - conclude Berlusconi - "questa dovrà essere usata per cambiare l'architettura istituzionale dello Stato, per dare più poteri al Governo, per dimezzare il numero dei parlamentari, per cambiare la composizione della Corte Costituzionale".

IN UE NON ERO IRRISO MA TEMUTO. "Ho letto i giornali stranieri e titolavano: torna Berlusconi e trema l'Europa. Non sapevo di essere così forte. Berlusconi non era irriso in Europa, ma temuto". Dice Berlusconi : "Ho utilizzato il veto" - conclude l'ex presidente del Consiglio -  "per i provvedimenti che ritenevo contrari all'interesse del mio Paese".

SÌ A VICEPREMIER LEGHISTA SE AIUTANO A ELEZIONI. "Non ho obiezioni ad un vicepresidente leghista se il Carroccio ci darà  un contributo elettorale". Lo dice Silvio Berlusconi nell'intervista al tg4.
"Resto convinto - aggiunge  - che la soluzione migliore sia la maggioranza assoluta del Pdl, ma se la maggioranza si raggiungesse con un solo alleato, che è la Lega, con cui abbiamo lavorato bene,  questa potrebbe essere una soluzione".
"UNA CONGIURA CI HA FATTO LASCIARE IL GOVERNO". «Ci hanno costretti a lasciare il governo un anno fa circa con una congiura che la storia metterà in luce»: così Silvio Berlusconi nella telefonata di oggi pomeriggio a Molino Silla di Amelia, dove la Comunità Incontro di don Gelmini sta festeggiando i ragazzi che hanno completato il percorso di recupero. - «Una congiura - ha proseguito Berlusconi - politica, mediatica e anche internazionale. Hanno tirato fuori questo fantasma improvviso dello spread che rappresenta in tutto e per tutto una spesa possibile per il costo degli interessi del due per cento in più all'anno, quindi meno di cinque miliardi in un anno. Una difficoltà quindi facilmente superabile. Si sono inventati - ha ribadito il leader del Pdl - di tutto e di più». 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati