Danza, Roberto Bolle: mi sento piu' principe che plebeo