Gesip, cassa integrazione in deroga per i lavoratori

L'assessore regionale al Lavoro, Ester Bonafede, ha incontrato le parti sociali in assessorato per discutere sull'accordo. I rappresentanti sindacali e delle aziende, sono stati informati che le risorse destinate a Gesip, che ammontano a circa 13 milioni, sono risorse aggiuntive e che dunque viene assicurata copertura finanziaria per tutti

PALERMO. L'assessore regionale al Lavoro, Ester Bonafede, ha incontrato le parti sociali in assessorato per discutere sull'accordo quadro che è propedeutico all'attivazione della destinazione delle risorse e della successiva delibera di giunta, per attivare il pagamento della cassa integrazione in deroga per Gesip. Malgrado il tavolo non fosse completo, i rappresentanti sindacali e delle aziende, sono stati informati che le risorse destinate a Gesip, che ammontano a circa 13 milioni, sono risorse aggiuntive e che dunque viene assicurata copertura finanziaria per tutti. I rappresentanti presenti al tavolo, hanno preso atto della comunicazione e hanno apprezzato lo sforzo del Presidente Crocetta e dell'assessore Bonafede, nel trovare una soluzione in tempi rapidi per i lavoratori in difficoltà. Il presidente della Regione, Rosario Crocetta, ha convocato per oggi una giunta d'urgenza nel corso della quale verrà fatta la proposta di integrare la scorsa delibera, con una specifica che richiama l'intesa raggiunta nell'incontro avvenuto a Roma qualche giorno fa, tra il Ministro Fornero e il Presidente della Regione siciliana, incontro a cui ha preso parte anche il sindaco di Palermo. Dopo questo passaggio formale, l'assessore al Lavoro, potrà predisporre il decreto da inviare all'Inps e, nel giro di pochi giorni, si potranno pagare i lavoratori. «Una soluzione che si è resa possibile - dice Crocetta - grazie al lavoro serrato ed incessante, portato avanti in questi giorni dall'assessorato e dalla presidenza, e grazie alla collaborazione del Ministero, per fare in modo che i lavoratori e le loro famiglie, possano passare un Natale pi— sereno. Nel pomeriggio - conclude il presidente - ho sentito anche il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, e l'ho rassicurato sul fatto che entro pochi giorni la situazione verrà positivamente risolta». «L'incontro è servito a chiarire lo stato dell'arte,  giungendo alla conclusione - sottolineano Michele Pagliaro (Cgil), Giorgio Tessitore (Cisl) e Pino Franchina (Uil) - che la crisi quest'anno costerà 200 milioni di ammortizzatori sociali in deroga e che il fabbisogno da coprire è dunque di 160 milioni visto che sono già disponibili 40 milioni residui dagli anni precedenti».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati