Non si placa l’ondata di furti Ancora abitazioni svaligiate

Nel capoluogo ladri attivi anche nel ponte della festa dell’Immacolata

CALTANISSETTA. I ladri non ci concedono pause. Nel capoluogo sono stati attivi anche nel ponte dell'Immacolata la festa che per tradizione fa da traino al Natale. Ed ancora una volta ad essere prese di mira sono state abitazioni del centro abitato dove gli ignoti ormai imperversano da qualche mese con colpi a ripetizione che stanno seminando preoccupazione fra gli abitanti e il rafforzamento dei controlli sul territorio. Due i furti commessi fra venerdì sera e sabato mattina. I topi d'appartamento hanno agito in viale Amedeo (rione San Francesco) e in via San Giovanni Bosco a Santa Flavia realizzando come nei colpi messi a segno recentemente bottini poco rilevanti, in gran parte gioielli e altri oggetti di scarso valore. Per i proprietari, al rientro, l'amara sorpresa quando hanno visto le rispettive case in preda al disordine con il contenuto dei cassetti rovesciato per terra e ovunque segni della "visita" dei ladri i quali in entrambi i casi hanno forzato le porte d'ingresso si presume con grossi cacciaviti. Sul furto compiuto in via San Giovanni Bosco sospetti si addenserebbero su due donne, nomadi, fra le tante che ogni sabato in concomitanza con il mercatino settimanale di Pian del Lago (peraltro sospeso l'altro ieri per il maltempo) arrivano da paesi dell'agrigentino e del catanese. Le due donne sono state notate mentre si aggiravano fra le strade del quartiere. I proprietari dopo aver fatto l'inventario delle cose mancanti hanno presentato regolare denuncia alle forze dell'ordine. I furti stanno diventando - sul versante della cosiddetta microcriminalità - l'elemento caratterizzante di questo scorcio finale di anno. Da quando è scoppiata l'emergenza, pressappoco da metà novembre ad oggi, si contano quasi una ventina di incursioni ladresche non solo in centro abitato ma anche nelle campagne (fra villette e case rurali) dove il fenomeno è sicuramente più accentuato. Polizia e carabinieri hanno notevolmente irrobustito i servizi con l'impiego di personale indivisa e in borghese.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati