Sicilia, Qui Palermo

Arriva la Juve, ma per i rosa sarà una..."trasferta"

Due terzi di pubblico presente oggi al Barbera sarà di fede bianconera. Lo Monaco: "Spero che i nostri 10 mila tifosi possano sommergere i 20 mila juventini". Tornano Miccoli e Donati dalla squalifica. Tra i campioni d'Italia, riecco Antonio Conte in panchina

PALERMO. Visto il clima rigido che ha investito la città delle ultime ore, a questo punto sembrerà davvero di giocare Juventus-Palermo e non il contrario. Giocano in casa i rosanero, ma ci sarà tanto bianconero al Barbera. Le stime parlano di uno stadio che oggi alle 15 dovrebbe contare circa 30 mila spettatori. Secondo l’amministratore delegato del Palermo, ben 20 mila saranno juventini provenienti da tutta la Sicilia. «Spero che i nostri 10-11 mila tifosi possano fare per 30mila e sommergere i sostenitori juventini che arrivano da tutta la Sicilia». Intanto, ieri, i rosa hanno rifinito la preparazione sotto una fitta pioggia al Tenente Onorato di Boccadifalco e sotto gli occhi del presidente, Maurizio Zamparini. Gasperini recupera pure Bertolo che è stato inserito nella lista dei 24 convocati. Per la partita di domani, l’allenatore riavrà a disposizione Donati in difesa e Miccoli in avanti. Col ritorno del regista di difesa, sulla fascia sinistra Garcia dovrebbe essere preferito a Pisano. Probabile formazione (3-4-2-1): Ujkani; Munoz, Donati, Von Bergen; Morganella, Barreto, Kurtic, Garcia; Ilicic, Brienza, Miccoli.

Ma più che sul campo, oggi i riflettori saranno tutti puntati sulla panchina della Juventus, dove torna a sedersi Antonio Conte, dopo la squalifica per la vicenda calcio scommesse.  Il tecnico ha scelto di non parlare nemmeno in questa ultima vigilia che coincide con il suo rientro: una questione, probabilmente, di coerenza con il comportamento di questi quattro mesi, quando, nonostante il regolamento glielo consentisse. È innegabile, per il Palermo questo è un ostacolo in più, perché Conte in panchina fa la differenza. È lo spogliatoio che vuole Conte, confidenza e allegria, personalità e grinta, ma anche rispetto, disciplina e applicazione. Con lo squalificato Giovinco, Il tecnico leccese, amico-nemico di Miccoli quando il numero 10 rosa era alla Juve, si affiderà a Matri al fianco di Vucinic. Mentre con il rientro di Marchisio dalla squalifica, torna a sedersi in panchina Pogba. Per il resto stessa formazione che mercoledì in Ucraina ha staccato il biglietto per gli ottavi di Champions, qualificandosi come prima. JUVENTUS (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Lichtsteiner, Vidal, Pirlo, Marchisio, Asamoah; Matri, Vucinic.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati