Viaggio tra le favelas di Rio: ecco il nuovo Calendario Pirelli

"The Cal" ha un'anima e
Steve Mc Curry, il fotografo che deve la sua fama alla bambina
afghana dagli occhi verdi, l'ha immortalata in 34 scatti che
raccontano la trasformazione sociale ed economica del Brasile. L'edizione 2013 del Calendario Pirelli è stata presentata a
Rio de Janeiro alla stampa internazionale e sarà celebrata in
una serata di gala di cui sarà madrina Sofia Loren.
In due settimane di scatti tra le strade e le favelas di Rio
Mc Curry ha viaggiato alla scoperta dell'uomo, accompagnato da
11 modelle accomunate dal loro impegno a sostegno di
Organizzazioni non governative, fondazioni o progetti umanitari.
A partire dalle brasiliane Isabeli Fontana, Adriana Lima, Sonia
Braga e la cantante Marisa Monte, solo per citarne alcune, i
loro ritratti danno una rappresentazione e una chiave di lettura
della vita quotidiana nel paese che il presidente del gruppo,
Marco Tronchetti Provera, definisce «la nazione del futuro».
È la terza volta che il Brasile diventa protagonista del
Calendario Pirelli, dopo il 2005 di Patrick Demarchelier e il
2010 di Terry Richardson, ma questa volta Mc Curry - che si
autodefinisce "fotografo di strada" - sceglie una prospettiva
particolare, si allontana dalla confusione delle spiagge di
Ipanema e Copacabana e si rifugia nell'acciottolato del
quartiere coloniale di Santa Teresa o nei vicoli di Lapa tra
alberghetti cadenti e di graffiti, nelle favelas e nei night
club per raccontare la vita quotidiana fatta di ombre e
contrasti.
«Gli abitanti di Rio sono altrettanto straordinari dei suoi
spettacolari paesaggi - racconta Mc Curry -. Ho voluto
fotografare una mescolanza di gente comune, combinandola con un
gruppo di donne molto speciali, note non soltanto per il loro
talento e la loro bellezza, ma anche per il loro impegno
filantropico e per i loro contributi alle comunità a cui
appartengono». I ritratti delle modelle e delle attrici si
alternano così ai volti di persone comuni: una giovane pugile
che si allena, una venditrice di frutta al mercato, le ballerine
di samba, ragazzi della capoeira, gli innamorati che passeggiano
al tramonto.
«La collezione di questo calendario - un inedito libro
fotografico - è il mio personale tributo agli abitanti di una
delle città più eccitanti che abbia mai avuto il privilegio di
fotografare» conclude il fotografo.
In questo il backstage.

© Riproduzione riservata