Muos, momenti di alta tensione

Niscemi attende l’arrivo di carichi «speciali».Tutta l'area è presidiata dagli attivisti dei vari comitati sorti in Sicilia

NISCEMI. Cresce la tensione in contrada Ulmo, nei pressi della base statunitense dove è in fase di ultimazione la costruzione delle grandi antenne paraboliche di telecomunicazione satellitare del Muos.

Tutta l'area è presidiata nelle strade di accesso dagli attivisti dei vari comitati No Muos, sorti in numerosi centri della Sicilia. Si vuole impedire il transito degli enormi autocarri che dovranno portare le colossali gru telescopiche per la sistemazione delle parabole sopra gli enormi basamenti in cemento armato realizzati nei mesi scorsi. C'è grande allerta fra i militanti No Muos e i cittadini che a centinaia dànno loro man forte. Anche perché l'altra notte un autocarro è riuscito a eludere qualsiasi sorveglianza portando il suo pesante carico all'interno del presidio militare di contrada Ulmo.

Il battagliero «cittadino qualunque» si appresta a trascorrere la terza notte in tenda, allestita all'incrocio tra la Sp 10 e la strada vicinale Apa-Ulmo. Maida la prima notte è stato in compagnia dell'attivista No Muos Maurizio Giannetto e la seconda del presidente della Prociv, Rosario Ristagno. Il suo sit-in non è comunque il solo. I militanti dei Comitati No Muos di Vittoria, Acate, Caltagirone, Ragusa, Piazza Armerina, hanno iniziato a presidiare tutte le altre strade di accesso dell'area attorno alla base americana. La vigilanza di tutta la zona si fa sempre più attenta e nervosa. Già venerdì scorso, è stato impedito il transito di due pesanti automezzi diretti a Ulmo.

Per domani, alle 10, è stato programmato l'attraverso del centro abitato di un convoglio eccezionale diretto a Ulmo, la cui richiesta di autorizzazione aveva fatto scattare l'allarme in città. Il consiglio comunale si è riunito d'urgenza, deliberando all'unanimità «il divieto assoluto di transito di autoarticolati e mezzi che trasportano attrezzature, armi, accessori e/o parabole e quant'altro di pertinenza del Muos». Il sindaco Francesco La Rosa, che fa la spola fra il Comune e i presidi attorno a contrada Ulmo, teme per la sicurezza e l'ordine pubblico. Dell'aria che tira in paese, La Rosa ha informato le massime autorità dal prefetto al Questore.

Nella mattinata di oggi, come annuncia l'attivista Vincenzo Traina, si è tenuta a Niscemi un'assemblea del coordinamento regionale dei Comitati No Muos, per organizzare le varie iniziative in modo che ogni accesso alla base Usa sia presidiato senza lasciare aperto nessun varco ai tir che porteranno le gru per posizionare le parabole satellitari del Muos.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati