«Basta cuscini, meglio puntare sui tappeti dai toni forti»

Per rendere un divano diverso dal solito, e quindi personalizzarlo non ci vuole molto. Parola di Cristina Corso, arredatrice di interni. «Grazie alla frammentazione degli spazi interni nelle abitazioni abbiamo sempre più gli open space in cui i divani fanno da protagonisti. Per poter creare elementi di contrasto potremmo pensare di immettere nell'ambiente quadri dai colori allegri magari appoggiati alla parete – afferma -. Oppure potremmo tinteggiare le pareti di colori vivaci che attirino l’attenzione, o ancora scegliere dei tappeti dai toni forti». Sono fuori moda i cuscini che negli anni passati le mamme e le nonne realizzavano anche con rivestimenti fatti in filet. Sconsigliati anche i foulard che riprendono motivi geometrici o addirittura etnici che appesantiscono molto l’ambiente. Per chi invece non ne potesse proprio più del vecchio divano del salotto, magari acquistato più di dieci anni fa e che ancora ha una struttura solida, le aziende di questo settore hanno lanciato sul mercato i rivestimenti in tessuto con la possibilità di abbinare fantasie diverse: dai pois, alle righe, ai floreali con tessuti ispirati alle mode francesi. Con pochi euro sembrerà di aver acquistato un nuovo sofà.


SA.RA.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati