San Cataldo, al via la refezione scolastica

Lavoro assicurato alle 28 operatrici. L'assessore Leonardi: "Nonostante le ristrettezze economiche, siamo riusciti a far partire in tempi brevi il servizio"

SAN CATALDO. Questa mattina è stata avviata la refezione scolastica in tutte le scuole cittadine. Il servizio affidato alla ditta «Glicine» di Termini Imerese, che si è aggiudicata la gara, utilizzerà tutte e 28 le operatrici, che da anni confezionano i pasti per i bambini con cura e dedizione. Un buon risultato per l'amministrazione Raimondi, che nonostante le ristrettezze economiche è riuscita a far partire in tempi brevi il servizio a domanda. L'obiettivo principale dell'assessorato alla Pubblica Istruzione, retto da Lorena Leonardi è quello di fornire pasti equilibrati e di qualità alla popolazione scolastica sancataldese e far lavorare le operatrici della mensa in maniera serena e tranquilla, per poter svolgere al meglio i loro compiti. Soddisfatti anche i sindacati, che sono riusciti a fare impiegare tutte le lavoratrici della mensa anche se con orario ridotto, in attesa che aumentino le adesioni dei genitori dei bambini al servizio.

«Siamo soddisfatti dell'accordo raggiunto con i vertici della Glicine - dichiara il segretario cittadino della Cisl cittadina, Giuseppe Mastrosimone - anche se al momento le addette alla mensa, lavorano solo per 2 ore e 15 minuti, contiamo nei prossimi mesi, quando aumenteranno le adesioni, di incontrare nuovamente i vertici della ditta che gestisce la mensa, per aumentare le ore di lavoro e quindi far guadagnare qualche decina di euro in più al mese a colorio che confezionano i pasti per i nostri figli. Saremo molto attenti a questo fattore perché insieme all'Ugl, conosciamo le reali esigenze e le situazioni economiche di tutte le lavoratrici, molte delle quali con lo stipendio che ammonta a poche centinaia di euro, mantengono interi nuclei familiari».

Soddisfatto anche l'assessore alla Pubblica Istruzione, Lorena Leonardi, la quale si dichiara soddisfatta di essere riuscita a far partire il servizio in tempi relativamente brevi.

«Siamo riusciti a far partire la mensa scolastica nel più breve tempo possibile e nella massima trasparenza - dichiara Lorena Leonardi - mantenendo la parola data ai nostri elettori quando eravamo in campagna elettorale. Nonostante ci siano state delle difficoltà di natura burocratica, insieme al sindaco Franco Raimondi, abbiamo fatto uno sforzo non indifferente per garantire i pasti caldi ai nostri bambini e i 28 posti per le operatrici. A chi ha imputato a questa amministrazione di immobilismo, noi rispondiamo con fatti tangibili». 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati