Sicilia, Politica

Movimento 5 Stelle, i deputati all'Ars: "Rinunciamo ai rimborsi elettorali"

I 15 eletti sono arrivati a palazzo dei Normanni per consegnare alla presidenza una lettera in cui affermano la rinuncia che si aggirerebbe intorno al milione e mezzo di euro

PALERMO. I 15 eletti del Movimento Cinque Stelle, con in testa il capogruppo Giancarlo Cancelleri, sono arrivati a palazzo dei Normanni, sede dell'Assemblea regionale siciliana, per consegnare alla presidenza dell'Ars una lettera (spedita anche al presidente della Camera) nella quale affermano di rinunciare al rimborso per le spese elettorali che, secondo i loro calcoli, si aggirerebbe intorno a 1,4 milioni di euro.

"Non conosciamo esattamente la cifra - dice Cancelleri - ma non intendiamo incassare la somma per poi restituirla: i soldi rimarranno nelle casse del Tesoro. Rispettiamo così la volontà dei cittadini che nel '93 abrogarono, con un referendum, il finanziamento pubblico ai partiti, poi tornato sotto forma di rimborso per le spese elettorali''. Il M5S aveva già annunciato ieri l'intenzione di rinunciare al rimborso. I 15 deputati hanno anche confermato che taglieranno la loro indennità di parlamentari percependo 2.500 euro netti al mese, contro gli oltre diecimila euro previsti per
i 90 componenti di sala d'Ercole.

A proposito dei rimborsi elettorali dovuti ai deputati grillini eletti all'Ars l'avvocato ed esponente del Movimento 5 Stelle, Francesco Menallo, precisa che non è ancora possibile determinare l'esatto ammontare dei rimborsi che dovranno essere attributi in Sicilia, perché la legge del 1999 è stata modificata dalla 96 del 6 luglio 2012.

"Le modifiche assegnano - aggiunge - un fondo pari a circa 16 milioni di euro per ciascuna Camera elettiva, compresi i consigli regionali e introduce il criterio che per ripartire le somme occorre tenere in considerazione anche il numero di abitanti, in questo caso della Regione".


MA SBAGLIANO I CONTI. I 'grillini' rinunciano ai rimborsi elettorali delle regionali, ma sbagliano a fare i conti. Così durante la manifestazione simbolica organizzata stamattina a Palermo, davanti al Palazzo dell'Assemblea regionale, hanno preferito non mostrare ai cronisti, accorsi in massa, la gigantografia dell'assegno con l'importo del rimborso che riportava la cifra errata di 1,426 milioni di euro. Solo qualche fotografo giunto prima degli altri ha potuto immortalare l'assegno gigante, poi i deputati del Movimento Cinque Stelle lo hanno messo via.
L'ammontare esatto del rimborso, che i cinquestelle hanno deciso di lasciare al Tesoro, è di circa 800 mila euro. Al di là dell'errore di calcolo, il Movimento ha mantenuto l'impegno di rinunciare al rimborso pubblico.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati