Obama in lacrime mentre ringrazia il suo staff: il video

Obama come nessuno l'ha visto
mai, umanamente commosso fino alle lacrime, mentre saluta e
ringrazia a braccio, i volontari di Chicago, all'indomani del
trionfo elettorale. Così il presidente in questo video
particolarmente toccante diffuso da Organizing For America,
durante la sua prima apparizione da eletto, dopo la festa
elettorale.
La clip è stata registrata
la mattina dopo la nottata al McCormick Center, nel quartier
generale della sua campagna elettorale di Chicago.
In camicia bianca, cravatta grigia slacciata, Barack racconta
ai suoi ragazzi quando arrivò a Chicago e iniziò a lavorare
nel volontariato, per aiutare la gente che soffre, gli ultimi,
nella periferia sud di Chicago. «Il lavoro che feci, le cose
che imparai in quei mesi, mi cambiarono molto più di quanto io
riuscì a cambiare la vita di queste comunità. Conobbi le
speranze e le aspirazioni della gente comune, gli obiettivi che
tutti abbiamo a prescindere dalle nostre differenze. E imparai
anche cosa vuol dire lavorare duro, superare le delusioni. Così
maturai e diventai un uomo».
Erano gli anni in cui Barack scelse di dedicarsi alla
politica. «All'epoca però - prosegue Obama - non avevo idea,
non mi identificavo in nessuna campagna elettorale. Reagan era
gia molto popolare. Però già capii che c'era il modo di
aiutare i più poveri, gli esclusi. Pensare alla loro salute.
Ecco come sono arrivato in questa città. E in molti di voi vedo
me stesso alla vostra età. Ma voi siete molto migliori di come
ero io, siete più intelligenti, piu preparati, più efficienti.
Sono certo che farete cose meravigliose nella vostra vita
futura».
E qui Barack non regge all'emozione, stroncato dalla tensione
sovrumana delle ultime ore, dalla pressione di una campagna
massacrante, disumana: «Per questo motivo, a prescindere dal
risultato elettorale, pensai che con queste elezioni avevo
concluso un ciclo. Quello che voi avete fatto - continua con gli
occhi pieni di pianto e la voce rotta - mi dice che quello che
sto facendo è rilevante. E tutto ciò mi riempie d'orgoglio.
Dovete sapere che il vostro lavoro rimarrà nei libri di storia.
Però la cosa più importante che dovete sapere è che il vostro
viaggio è appena iniziato. Sono certo che qualunque cosa
riusciremo a fare nei prossimi 4 anni non sarà nulla in
confronto a quello che voi raggiungerete negli anni che
verranno».

© Riproduzione riservata