Caltaqua, posto a rischio per i lavoratori: chiesti i contratti di solidarietà

La società in crisi, i dipendenti preoccupati. “L’obiettivo è anche quello di garantire servizi essenziali ai cittadini”

CALTANISSETTA. I lavoratori di Caltaqua iscritti alla Uilcem e che rischiano il posto di lavoro, chiedono che la mobilità venga sostituita con dei contratti di solidarietà. La decisione è emersa al termine di un incontro con la segreteria provinciale svoltasi nella sede di  Caltanissetta. Le maestranze esprimono disagio e preoccupazione per il loro futuro occupazionale, essendo i primi soggetti coinvolti da un’eventuale crisi societaria che al momento è priva di una soluzione e senza prospettive occupazionali.  “I lavoratori – si legge in una nota - hanno condiviso in alternativa alla procedura di mobilità, un contratto di solidarietà che riduce l’orario di lavoro per rendere meno pesante l’onere finanziario della società, e garantire la funzionalità operativa aziendale per evitare ripercussioni nella fornitura di servizi essenziali ai cittadini del nisseno”. All’incontro era presente anche Silvio Ruggeri, segretario generale della Uilcem Caltanissetta.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati