E' morto il pittore palermitano Andrea Di Marco

Se ne è andato questa notte a 42 anni. A stroncarlo sarebbe stato uno shock anafilattico. Esponente illustre della scuola palermitana, a grandi passi mordeva la vita, guardava avanti sapendo di essere giá su una strada segnata

PALERMO. Andrea Di Marco se ne è andato questa notte. Lo ha fatto come nel suo stile, silenzioso e serio, lasciandoci senza parole. Quarantadue anni, middle carreer, esponente illustre della scuola palermitana, Di Marco a grandi passi mordeva la vita, guardava avanti sapendo di essere giá su una strada solida, segnata. Luminosa.
La sua pittura schietta è uno sguardo sulla quotidianità, uno sgurdo semplice e malinconico. Uno sguardo sulle periferie, sulla strada, sulle cose, sui particolari che raccontano, con poesia, la vita. Che raccontano la sua Città, amata. La sua Palermo, celebrata recentemente, nella bella mostra antologica alla GAM, Galleria d'Arte Moderna, nel 2011.
Andrea Di Marco è artista di una "archeologia del moderno", come diceva lui. Densa la sua pittura, come il suo animo. Lui talvolta schivo, sempre ironico, quel sorriso sornione, ha attraversato questo tempo con pienezza. Muore per caso Andrea Di Marco, ma non per caso resterà nella memoria della comunità scientifica, degli artisti insieme ai quali è cresciuto, dei tanti amici, nella memoria di quanti lo hanno conosciuto e stimato, perché ciascuno, a suo modo, lo ritroverà sempre nella sua arte.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati