Sicilia, Archivio

Acqua, bloccate le autobotti: "Non hanno autorizzazione"

Il provvedimento successivo all’alt imposto dagli uffici della motorizzazione che ha ravvisato una inadempienza: le autobotti non avrebbero le autorizzazioni per il trasporto di merce

CALTANISSETTA. Una singolare disputa amministrativa lascia a...terra le autobotti di Caltaqua. I libretti dei due automezzi, con i quali venivano rifornite le famiglie di Gibil Habib, sono stati ritirati dalla Motorizzazione civile che in sede di revisione ha ravvisato una inadempienza: le autobotti non avrebbero le autorizzazioni per il trasporto di merce "in conto terzi". In parole povere è quella che possiedono i piccoli e grandi autotrasportatori senza la quale non potrebbero lavorare. Le autobotti di Caltaqua sono state considerate alla stessa stregua e pertanto, da due settimane, sono ferme in deposito in attesa che la vicenda possa trovare una soluzione. Caltaqua ha scritto al Prefetto sostenendo che l'ente svolge un servizio pubblico assicurando rifornimenti a uffici e (a richiesta anche della Prefettura) a privati.

La Motorizzazione civile da parte sua sta chiedendo un parere all'ufficio legale prima di sbloccare i due automezzi della capienza di diecimila litri ciascuno. «E una pratica lunga e complessa - ha sostenuto l'ingegnere Salvatore Giuliana, responsabile della gestione rete e impianti di Caltaqua - anche perchè ottenere tale concessione implicherebbe la partecipazione di nostri dipendenti a corsi di formazione, in tutto quattro mesi di blocco che noi non possiamo assolutamente permetterci».

Ferme le autobotti riesplode il malcontento dei residenti di una vastissima zona a sud dell'abitato (contrada Gibil Habib e dintorni) dove centinaia di famiglie, in assenza della condotta, vengono rifornite da Caltaqua con costi parzialmente compensati dal sostegno comunale che aveva ripreso ad erogare i contributi a metà settembre dopo otto mesi. Nelle dodici contrade, dopo l'iniziativa della Motorizzazione civile, le famiglie sono costrette a far ricorso alle autobotti private pagandole però a prezzo pieno.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati