Niscemi, tra giunta e Finanza patto per trasparenza e legalità

Le «fiamme gialle» controlleranno i fruitori di beni e servizi erogati dall’ente per stanare i furbetti

NISCEMI. Controlli della Finanza sulle dichiarazioni rese dai contribuenti fruitori di contributi e servizi erogati dall'Ente; mantenimento dell'Ufficio del Giudice di Pace; informatizzazione e smaterializzazione cartacea di tutti gli uffici comunali: sono le decisioni adottate dall'amministrazione cittadina che ieri ha approvato le relative delibere. Si tratta di in salto di qualità che l'amministrazione La Rosa intende far compiere alla città nel rispetto della legalità, nell'ammodernamento degli uffici e nel garantire la presenza del presidio giudiziario, che era stato già soppresso dal provvedimento emanato dal Governo nazionale. Il contenuto dei tre importanti atti deliberativi è stato illustrato ieri mattina alla stampa dal vicesindaco Rosario Giuseppe Meli e dagli assessori Fabio Bennici e Valentina Spinello al termine della riunione di giunta municipale. I controlli delle Fiamme Gialle sulle posizioni reddituali e patrimoniali dei cittadini beneficiari di prestazioni sociali agevolate sono il frutto di un protocollo d'intesa siglato tra il Comune e il comando provinciale della Guardia di Finanza. Gli ambiti entro i quali saranno attivati i controlli riguardano pratiche di edilizia residenziale; accesso all'edilizia convenzionata e alla locazione agevolata; forme diverse di sostegno economico (contributi per affitto, per il diritto allo studio, rimborsi utenze, assegni di cura, ausili per disabili…). Il mantenimento dell'Ufficio del Giudice di Pace, già soppresso con il decreto legislativo 156/2012, costituisce un impegno non indifferente per il Comune di Niscemi, il quale se ne accolla tutte le spese di mantenimento, compresa la fornitura del personale amministrativo e dei locali della sede di proprietà comunale. «Ma siamo certi - ha sottolineato Bennici - di aver garantito un servizio indispensabile per i cittadini, considerato che a Niscemi si svolgono davanti al Giudice di Pace oltre 350 procedimenti all'anno sia di natura penale che civile». La delibera di approvazione del Piano della performance 2012-2014 consentirà di far partecipare i dipendenti comunali a corsi formativi indetti dal Ministero e di azzerare l'uso del cartaceo, introducendo la posta certificata e i servizi on line.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati