Airc, le sfide della ricerca oncologica

Un convegno in occasione dei 25 anni del comitato siciliano. Sarà anche l’occasione per presentare ai soci, ai volontari e alla stampa il nuovo presidente

PALERMO. In occasione dei 25 anni di attività dell'AIRC Comitato Sicilia, si terrà domani a Palermo il convegno scientifico: “Le sfide della ricerca oncologica AIRC”.  Saranno presenti Piero Sierra, presidente nazionale AIRC, Ines Colnaghi, direttore scientifico AIRC, Riccardo Vigneri, neo presidente del Comitato AIRC Sicilia, Ruggero De Maria, direttore scientifico dell’Istituto Regina Elena di Roma e Pier Paolo Di Fiore, professore di Patologia presso l’Università di Milano. Modererà Cettina Raniolo Cassì.
In apertura Chiara Catania, vicepresidente del Comitato Sicilia, avrà l’occasione, insieme ai delegati e ai volontari di tutta la Regione, di ricordare Arabella Salviati recentemente scomparsa dopo venticinque anni dedicati con straordinario impegno e grandi capacità alla prevenzione e alla ricerca scientifica. Impegno che il prossimo 9 novembre, in apertura della Giornata Nazionale per la Ricerca sul Cancro, verrà anche ricordato dal presidente Giorgio Napolitano con un riconoscimento nell’ambito della tradizionale cerimonia al Quirinale. Il convegno sarà anche l’occasione per presentare ai soci, ai volontari e alla stampa il nuovo presidente del Comitato AIRC Sicilia. 

25 ANNI DI ATTIVITA’. IL COMITATO AIRC SICILIA 

Nasce nel 1987. Conta ad oggi circa 100.000 soci e 160 delegazioni sparse per tutto il territorio. In questi 25 anni sono stati raccolti dal Comitato Sicilia circa 52 milioni di euro utilizzati per finanziare, nella nostra regione sia progetti di ricerca che borse di studio per l’Italia e per l’estero.
Oltre alla raccolta fondi, l’attività principale del Comitato Sicilia è sempre stata quella di promuovere la prevenzione come metodo fondamentale per combattere il cancro. In questi 25 anni sono stati portati avanti progetti di screening e di educazione alla salute in varie province siciliane. Tra questi la prima campagna di screening per il carcinoma mammario, svoltasi a Caltanissetta nel 1993 con il nome di Progetto Donna. Un grande successo con punte di adesione del 93% nei comuni in cui era presente una delegazione AIRC. A conferma che l’intervento dell’associazione risulta determinante nella buona riuscita dei progetti.
In un progetto analogo promosso nella città di Ragusa sono state esaminate 20.000 donne, mentre ad Enna e provincia sono state effettuate 1800 mammografie. A Catania e Siracusa sono stati portati avanti progetti di educazione alla salute per il carcinoma mammario ed eseguite 6000 mammografie.
Attraverso l’iniziativa nazionale, “Azalea della Ricerca” in Sicilia sono stati raccolti nel 2012 circa 530.000 euro. Mentre, con l’iniziativa “Uovo della Ricerca”, campagna regionale di maggior successo, sono state distribuite circa 60.000 uova di cioccolato in tutta la Sicilia per una raccolta complessiva di oltre 211.000 euro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati