Palermo, al Comune il ricordo per la "strage del pane"

PALERMO. Dopo 68 anni, per la prima volta dal 1944, la cosiddetta strage del pane, che provocò 24 morti e 158 feriti, sarà ricordata ufficialmente al Comune di Palermo.
Finora (dal 1991) le commemorazioni annuali si sono tenute al Palazzo Comitini (sede della Provincia) dove nell'atrio è collocata una lapide con i nomi dei caduti.
L'amministrazione palermitana sollecita l'intestazione di una via (probabilmente vicolo S. Orsola dove persero la vita e furono feriti la gran parte dei manifestanti) a quel triste e inspiegabile episodio di sanguinaria repressione operata dall'esercito sabaudo. La strage del 19 ottobre 1944 sarà rievocata nella sala delle Lapidi di palazzo di Città venerdì prossimo alle 10. Alla presenza del sindaco Leoluca Orlando e del presidente del Consiglio comunale Salvatore Orlando, interverranno gli storici Lino Buscemi (coautore de "La Sicilia delle Stragi" Newton Compton editori) e Giuseppe Scianò. Interverranno inoltre Giacomo Cimino, Gaetano Balistreri, sopravvissuto alla strage (aveva appena 10 anni). Enzo Rinella reciterà due monologhi, Maria Pia Giardelli e Anacreonte La Mantia canteranno due testi di Franco Carollo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati