Gela, continuano le proteste davanti alla raffineria

I 17 lavoratori della ex Procontrol, azienda in liquidazione, sono in cassa integrazione da 2 anni. Nove dipendenti dovrebbero essere assorbiti dalla “Nuova X Gamma” mentre gli altri rimarrebbero senza un’occupazione

GELA. Ancora una protesta davanti l’ingresso principale della Raffineria di Gela dei 17 lavoratori della ex Procontrol, un’azienda lombarda che ha operato per anni all’interno del petrolchimico, che si occupa di  controlli ed analisi negli impianti della fabbrica, oramai in
liquidazione e che da due anni ha posto le maestranze in cassa integrazione.
Nove dipendenti dovrebbero essere assorbiti dalla “Nuova X Gamma” mentre tutti gli altri rimarrebbero senza un’occupazione. In segno di solidarietà con gli operai in lotta, hanno incrociato le braccia anche altri lavoratori che orbitano nell’indotto.
A Caltanissetta invece, il liquidatore dell’Ato Ambiente Cl1, Elisa Ingala ha convocato per domani alle 12.30 nella sede dell’Ato Ambiente Cl1, i rappresentanti delle organizzazioni sindacali aziendali e la proprietà della Caltambiente Srl, gestore del servizio di igiene urbana.
La convocazione è legata alle problematiche del pagamento del canone dovuto alla Caltambiente e del conseguente pagamento delle spettanze dovute ai lavoratori per il mese di settembre 2012.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati