Finita pena, Bruno Contrada torna libero

L'ex funzionario del Sisde era stato condannato a 10 anni di reclusione per concorso esterno all' associazione mafiosa. Dal luglio 2008 era agli arresti domiciliari per gravi motivi di salute

PALERMO. Torna in libertà oggi, per fine pena, Bruno Contrada, l'ex funzionario del Sisde, condannato a 10 anni di reclusione per concorso esterno all' associazione mafiosa.
Il magistrato di sorveglianza di Palermo ha concesso la proroga sull'applicazione della pena accessoria di tre anni di libertà vigilata comminata all'ex 007. Contrada, 80 anni, per il suo grave stato di salute è agli arresti domiciliari, nella sua abitazione di Palermo, dal luglio del 2008 per il tempo della residua condanna.
L'ex funzionario del Sisde, dopo la condanna a dieci anni inflittagli in primo grado il 5 aprile 1996, fu assolto nel primo processo d'appello il 4 maggio 2001. Il 12 dicembre del 2002 la Cassazione annullò il verdetto assolutorio e dispose un nuovo processo.
Infine arrivò la condanna a 10 anni di reclusione, il 25 febbraio 2006, che nel maggio dell'anno successivo la Cassazione rese definitiva. Il l8 novembre del 2011 la Corte d'appello di Caltanissetta rigettò, dichiarandola inammissibile, la richiesta di revisione del processo che lo condannò a 10 anni di reclusione. Il 15 gennaio del 2012 il Tribunale di Sorveglianza di Palermo decise che avrebbe scontato il resto della sua condanna a 10 anni di reclusione per concorso esterno all'associazione mafiosa a casa per il suo grave stato di salute.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati