Osservatorio sulla dispersione scolastica: 100 casi in un solo anno

Vertice al Comune per mantenere la struttura, formalmente accorpata a Gela. «Attività preziosa e irrinunciabile»

RIESI. L’Osservatorio per la dispersione scolastica continuerà a operare nel territorio, nonostante da tempo circolano voci di un’ipotetica soppressione.
L’importanza dell’organismo che riunisce diverse istituzioni per contrastare l’abbandono scolastico è stata ribadita durante un incontro convocato dal sindaco Salvatore Buttigè al Comune. L’Osservatorio, lo scorso anno scolastico, ha monitorato 100 casi, di cui 26 alla Didattica, 33 al Comprensivo, 17 al Vassallo, ai quali si aggiungono i casi dei respinti e una decina di studenti prosciolti per limite di età.
Nella riunione è stato comunicato che per il preside Turco l’Osservatorio è stato annullato e accorpato a quello di Gela. Nella seduta però è emerso che l’organismo per legge non può essere abolito. Su ciò hanno concordato i presenti, ribadendo che il modello Riesino è l’unico in Provincia a funzionare, offrendo risultati soddisfacenti per contrastare la devianza minorile.
Il servizio completo nell'edizione di Caltanissetta del Giornale di Sicilia in edicola oggi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati