Musumeci: "La Sicilia devastata dalla maggioranza di Lombardo"

Il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione: "Gli ultimi anni sono stati devastanti per l'Isola. Il gruppo che comprendeva anche Bersani, Casini e Fini hanno lasciato le macerie"

Sicilia, Politica

PALERMO. «Gli ultimi anni di governo regionale sono stati devastanti. La maggioranza Lombardo - Bersani - Casini - Fini ha lasciato macerie». Lo ha detto il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Nello Musumeci nella convention di Palermo che ha lanciato la sua candidatura. «È stato stravolto il mandato popolare - ha aggiunto - Il centrodestra ha vinto ed è stato costretto all'opposizione. Perciò molta gente si è allontanata dalla politica». Musumeci ha denunciato «le ingenti risorse Ue perse nonostante in Sicilia si muoia di fame». «Occorre - ha proseguito - ricostruire una pagina nuova della Regione. È una sfida impegnativa. Serve un cambio di mentalita».  Musumeci ha affontato il tema dei precari: «da domani mai più. Nella amministrazione si entra per concorso». Ma verso i precari esistenti «vilipesi. Ingannati, un esercito di vittime abbiamo il dovere di non perderli».

ALFANO: "LA PRIORITA' E' IL LAVORO" - «Lavoro, lavoro, lavoro: questa è la priorità della Sicilia e per realizzarla bisogna cacciare la mafia dai palazzi e dalle strade». Così il segretario nazionale del Pdl Angelino Alfano ha aperto la convention di presentazione della candidatura di Nello Musumeci a presidente della Regione. Nel teatro Politeama strapieno Alfano non ha risparmiato bordate a «chi ha tradito ed è rimasto fuori». «Da qui - ha aggiunto - parte il riscatto del centrodestra siciliano».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati