Prometteva lavoro per soldi, arrestata titolare patronato Cna di Gela

Le vittime sarebbero state adescate tra le persone più vulnerabili. In manette Enza Patrizia Anfuso, di 57 anni, responsabile della locale sede del patronato degli artigiani

GELA. Una donna di Gela, Enza Patrizia Anfuso, di 57 anni, titolare della locale sede del patronato degli artigiani Epasa-Cna, è stata arrestata dai carabinieri, in esecuzione di un ordine di custodia cautelare in carcere, perché ritenuta responsabile di una lunga serie di truffe aggravate e di millantato credito.
Avrebbe promesso posti di lavoro alle Poste o all'Eni in cambio di denaro. Il provvedimento è stato emesso dal gip del tribunale gelese, su richiesta della procura della Repubblica.
Secondo gli investigatori, Anfuso adescava le proprie vittime in ufficio, dopo averle scelte tra gli utenti più vulnerabili alle sue proposte apparentemente allettanti e vantaggiose: "Persone psicologicamente deboli, spesso anziani, di ceto medio-basso e con scarsa scolarizzazione" delle quali conquistava la fiducia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati