Gasperini si presenta: "Insieme vinceremo questa scommessa"

Il mister, che ha preso il posto dell'esonerato Sannino, si presenza in conferenza stampa: "C'è davvero la possibilità di fare bene, l'organico non è deficitario come si dice. La squadra deve avere la forza di reagire". Zamparini: "E' come Guidolin"

PALERMO. "La mia è una scommessa sotto tanti profili, ma c'è la possibilità di fare bene e di vincerla. Vogliamo fare una squadra importante per dare a tutti grandi soddisfazioni". Si presenta così Gian Piero Gasperini, neo allenatore del Palermo, nella conferenza stampa di presentazione. Il mister ha preso il posto dell'esonerato Sannino. "Non sono mai subentrato nella mia carriera, devo considerare ancora al meglio l'organico, che non è deficitario, come d'altronde dice Zamparini. Questa squadra deve fare bene per quello che è, trovando la forza e la capacità di reagire. Il modulo? Non ci saranno grandi coinvolgimenti". "La voglia è indubbiamente tanta. Ho la fiducia del presidente e del direttore sportivo. Sarà una grande sfida anche subentrare per la prima volta in carriera a stagione in corso".
Gasperini torna poi a parlare dell'esperienza all'Inter. "Resto convinto del fatto che l'anno scorso con l'Inter si potesse far bene con la difesa a tre. Sono cambiate tante cose, adesso la usano tante squadre: Juventus, Napoli, la stessa Nazionale".

Il presidente Zamparini, invece, è un vero fiume in piena, spiegando le ragioni del divorzio da Sannino. "Ormai è diventato banale che io esoneri un allenatore, è sempre un grosso dispiacere, ed è una repsonsabilità molto grossa, nessuno si diverte e spendere un milione e mezzo all'anno in più non è piacevole. Non c'era nessun contrasto da Sannino, ma un'analisi fatta da persone esterne. Non c'era connessione allenatore-giocatori. Non c'era fiducia.  non c'entra niente il modulo, non c'era l'ambiente, era già successo con Pioli, che è un signore. Il mercato? - dice - Inutile prendere mezzi giocatori se non ci sono giocatori validi".

Su Gasperini dice: "Lo avevo già cercato, lo volevo fortemente - spiega Zamparini - Era la nostra prima scelta dall'anno scorso. Confido nella sua forza di volontà nella rivalsa. Per me prenderlo ora era un'occasione, come lo fu Guidolin. La rosa che avrà a disposizione? Non ritengo di aver una squadra di brocchi, solo che non ha gioco. Se cosi non fosse, rimedieremo nel mercato di gennaio. Non sono preoccupato per la classifica, ma sono preoccupato per la squadra in generale".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati