Mi raccomando, non fate sbrasate

Lo vedete com’è: si sta bene, la notte si dorme macari pure col lenzuolino. Ogni tanto passa qualche nuvola ma sono come i pensieri leggeri, passano lassopra, vanno in fretta e ci salutano e ci dicono: tranquillo compare, questi pensieri non sono per te, li stiamo portando a un altro. Domani sarà pure cosi e, in parte, pure mercoledì. Giovedì e venerdì invece c’è questa pettubbazione che, a parte acqua forte,  farà calare le temperature che, specialmente venerdì, saranno vero basse visto che le massime non supereranno i 21 gradi. Mi raccomando, non fate sbrasate perché questo è il tempo che uno si prende una bella botta di fresco che c’incastagnano tutte le canna rozza. Ma ieri le previsioni dicevano cose peggio. Già oggi gli scinziati si dimostrano meno allarmanti. Vediamo come finisce.

Ma insomma, tanto cose di fare non ve ne mancano. Ricordatevi che ora comincia la scuola e che dovete andare a comprare i libri, dopo che siete passati nella finanziaria, ovviamente. Dicono che quest’anno ci vorranno cento leuri suvecchiu. E manco vi potete prendere la soddispazzione di accattare qualche libro di seconda mano perché quei gran fitusi di quelli che stampano i libri, ogni anno basta ca ci canciano una tabellina o un esercizio e ci mettono che è nuova edizione e u maestro se non ha la nuova edizione la lezione non la può fare. Oppure deve restituire tutti i regali che ci fece u rappresentante. E’ inutile: di questa maniera il tempo non aggiorna mai. Dove si vede che noi siamo peggio della natura dove buntempo e malotempo non dura sempre un tempo. Per noi invece c’è sempre maloltempo: imbrogli, truffe, raccomandazioni. E siamo come una sacchetta aperta dove tutti mentono le mani. Tante belle cose. Sconfortate.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati