Fuori dal mercato le vecchie lampadine Ora si punta al risparmio energetico

Addio a quelle ad incandescenza, in vendita solo quelle a neon, a Led e fino al 2016 le alogene: più costose, ma consumano meno luce

PALERMO. Dopo centotrentaquattro anni di onorata carriera, la lampadina ad incandescenza è stata mandata in pensione dall’Unione europea. Lascia però diversi «eredi» che in tempi di crisi economica aiutano a risparmiare, soprattutto sul costo della bolletta elettrica. Una volta esaurite le scorte delle lampade ad incandescenza, sul mercato potranno trovarsi solo i neon, le lampade economiche compatte, i Led e fino al 2016 le lampadine alogene. Ogni famiglia, grazie all’utilizzo di questi dispositivi potrà risparmiare il quindici per cento in bolletta che si traduce in una diminuzione del costo di cinquanta euro all’anno per un risparmio complessivo che va dai cinque ai dieci miliardi. Verranno utilizzati infatti quaranta miliardi di Kilowatt l’ora in meno. I consumatori, dunque, dovranno adeguarsi al cambiamento. «Molta gente si sta abituando all’idea del risparmio energetico, anche se ancora la richiesta delle vecchie lampadine c’è e noi non sappiamo dove andarle a trovare», afferma Giacomo Seidita del negozio Brico Service di Palermo. «In Sicilia i consumatori cominciano a prendere coscienza e cercano in tutti i modi di risparmiare sulla bolletta della luce, per questo le lampadine di ultima generazione, da noi, si vendono facilmente e poi durano diversi anni», dice invece Pino Cirasa, proprietario dell’omonimo negozio di corso dei Mille. Le lampadine di ultima generazione, in sostanza, consumano meno e durano più a lungo rispetto alle precedenti, ma il loro costo è superiore e si aggira intorno ai dieci euro senza scendere mai sotto i cinque.
Tra i prodotti oggi più acquistati, soprattutto nei grandi negozi di elettrodomestici ci sono le lampade a Led, che consentono, con il cambiamento di colore, di creare atmosfere sempre diverse alla camera da letto. Anche in questi casi è importante però diffidare dalle imitazioni e dal prezzo troppo basso, soprattutto se gli articoli non vengono proposti nei negozi di elettronica o di ferramenta. In alcuni casi, infatti, i prodotti che sfuggono ai controlli, possono provocare cortocircuiti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati