Ristrutturare? Decide la donna Lavanderia stanza più richiesta

Nei progetti degli architetti ambienti specifici per la pulizia e sistemi per gestire a distanza gli impianti. Gli esperti: l’obiettivo è ottimizzare gli spazi

Donne. Sono sempre loro a decidere le modifiche da apportare alla casa se bisogna ristrutturarla, dicono i progettisti. Agli uomini spetta appena il compito di gestire l’aspetto finanziario. Insieme, però, rispettano la parola d'ordine, che in tempi di crisi, nel campo delle ristrutturazioni è «ottimizzazione»: sia negli spazi (sempre più ristretti), sia nelle risorse (che oggi non tutti hanno). Si cerca di utilizzare ogni centimetro della casa per renderla un'isola felice, dove rilassarsi dopo lo stress delle giornate lavorative. Le attività in casa diventano quindi più semplici e meno faticose.
Negli ultimi anni va molto di moda la domotica. Il termine deriva dal latino. Domus infatti significa casa. La tecnologia è un ottimo alleato per migliorare la qualità della vita nella propria abitazione.
«Sempre più clienti ci chiedono di installare un impianto per controllare anche a distanza la casa. Soltanto con il telefono cellulare si può accendere l'aria condizionata prima di tornare così da trovare gli ambienti freschi - spiega l'architetto Francesco De Simone, titolare di Archimed Progettazioni con Sergio Buccheri - ce ne sono per tutte le tasche. Il più semplice costa mille euro». Un altro must, delle case appena ristrutturate è la presenza della lavanderia. «Ce la chiedono soprattutto le donne - afferma l'architetto Vincenzo Gagliano dello studio Leonardo Design - per ottimizzare gli spazi, con delle ante la creiamo anche da angoli della casa. Utilizziamo soluzioni prese dal mondo delle barche che si adattano bene anche alle case di città».
A rendere più semplice e divertente la ristrutturazione di una casa è la grande varietà di materiali oggi in commercio. Pratici, resistenti e accessibili a tutte le tasche. Inoltre le case si aprono al mondo. Sempre più stanze sono arredate con un gusto etnico, spesso conosciuto durante viaggi di lavoro o piacere in mete esotiche. Intramontabili, invece, lo stile moderno, minimalista con linee essenziali spesso in unica tinta con colori forti e quello classico, accogliente, funzionale e più delicato. Molto nutrito l'esercito dei padroni di casa che ristrutturano le stanze con il fai da te. I grandi negozi di bricolage offrono infatti una vasta gamma di prodotti e istruzioni dettagliate per portare a termine i lavori nel migliore dei modi.
In tutti i punti vendita Leroy Merlin d'Europa si tengono periodicamente corsi di edilizia tenuti da esperti nel settore che attirano puntualmente curiosi e professionisti alle prime armi. Ma non sempre il fai da te è la soluzione più economica e soprattutto duratura nel tempo. «È sempre meglio affidarsi a degli esperti per una cosa così importante come la ristrutturazione della casa - conclude De Simone - i prezzi non sono altissimi e i risultati sono di gran lunga migliori».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati