Palermo, Gesip: sale la tensione, lunedì un nuovo vertice

Già oggi ci sono stati i primi segnali, con un corteo di operai tenuti a vista da poliziotti e carabinieri in tenuta antisommossa, che ha sfilato per le strade della città, annunciando anche «una marcia su Roma», probabilmente mercoledì prossimo

PALERMO. Tensione altissima a Palermo, dove  si teme l'esplosione di un bomba sociale. Già oggi ci sono  stati i primi segnali, con un corteo di operai della Gesip,  società comunale in liquidazione, tenuti a vista da poliziotti  e carabinieri in tenuta antisommossa, che ha sfilato per le  strade della città, annunciando anche «una marcia su Roma»,  probabilmente mercoledì prossimo.


La Digos da giorni monitora  le frange ritenute più pericolose, gruppi di precari non  sindacalizzati che si muovono con blitz improvvisi, a bordo di  scooter, bloccando intere zone e bruciando cassonetti. Il clima  è talmente surriscaldato che l'amministrazione Orlando parla di  'strategia delle tensionè, mettendo in fila l'incendio alla  discarica di Bellolampo con la vicenda dei 1.800 operai Gesip,  da oggi senza lavoro e senza salario. Il sindaco punta il dito  anche contro Pd, Pdl e Udc, i partiti che sostengono Monti: «Da  loro silenzio incredibile».    


Da Roma non è arrivato l'ok per i 5 milioni di euro che  avrebbero consentito la proroga del servizio sino a fine  settembre, anche se la liquidazione dell'azienda è fissata al  31 dicembre di quest'anno. Dunque, a parte l'attuale tranche di  fondi bloccati, servirebbero altri 15 milioni per arrivare a  fine anno. Poi dovrebbe partire una nuova società. Ma è  proprio questo il nodo. I tecnici del tavolo ministeriale,  insediato allo Sviluppo, hanno chiesto garanzie al comune: quali  saranno i servizi essenziali e il loro onere, quali iniziative  saranno attuate per la sostenibilità finanziaria dei servizi,  quante persone saranno assunte rispetto al numero attuale,  ritenuto spropositato.      Dopo il vertice di ieri sera in consiglio comunale con le  organizzazioni sindacali, il sindaco, Leoluca Orlando,  stamattina ha riunito la giunta per fare il punto. «Non è  possibile - sostiene l'amministrazione comunale - procedere in  modo unilaterale, al di fuori di una vera programmazione e senza  un reale piano industriale basato sulla conoscenza di quali  risorse e quali strumenti sono attivabili dal governo nazionale,  ad indicare quali e quanti lavoratori possono o devono essere  tagliati». Per la giunta «è evidente che a Palermo sono in  gioco interessi che vanno contro quelli della città e dei  cittadini, così come è evidente che sulla gestione dei servizi  per la città si sta giocando una partita in cui si intrecciano  interessi economici e criminali davanti ai quali le istituzioni  non possono restare inermi o silenziose».     


Già lunedì potrebbero emergere i primi disagi dovuti al  fermo della Gesip. A rischio ci sono una serie di servizi  forniti dalla società: dalla tumulazione dei defunti nel  cimitero comunale alla pulizia nelle scuole che apriranno a  metà settembre, dalla raccolta della spazzatura nei giardini  pubblici alla custodia di strutture 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati