Sicilia, Qui Palermo

Giorgi in rosa per ripetere la favola Siena

Il centrocampista arrivato dal Novara ritrova Sannino e Perinetti nella speranza di esprimere le stesse qualità viste lo scorso. "Ma per come lavora il tecnico, servirà avere un gruppo solido e compatto"

PALERMO. Ore 16.45. Luigi Giorgi si presenta nella sala stampa di Boccadifalco accompagnato dal vice presidente del Palermo, Guglielmo Miccichè. Mancano poco piu di due ore al termine del calciomercato, ma quella del giocatore ex Novara si può quasi certamente considerare come l'ultima presentazione dell'estate in casa Palermo, come ha dichiarato lo stesso Miccichè.
Arriva così in rosanero uno dei giocatori più inseguiti nel corso di questa sessione di mercato. Il suo nome circolava da giugno. Finalmente è arrivato il lieto fine. "La società mi ha voluto dall'inizio dell'estate. Speravo che la vicenda si concludesse prima e non ho vissuto benissimo questi tre mesi. Era difficile trovare l'accordo col Novara. Ma esserci riuscito è per me importante".
Per l'esterno di centrocampo arrivato in Sicilia la speranza è di ripetere quanto di buono fatto a Siena lo scorso anno, proprio con due persone che ritrova in questa esperienza in rosa. "È bello ritrovare per me il direttore Perinetti e il tecnico Sannino. L'anno scorso abbiamo fatto una buona stagione. Di quel Siena, spero di rivedere il gruppo e il gioco di squadra, fondamentali per come lavora Sannino. Posso dire comunque di aver trovato anche qui un gruppo sano e unito che mi ha accolto bene".
Proprio Sannino lo conosce bene. Come lo stesso Giorgi ha detto, l'allenatore sa di poterlo utilizzare come esterno in un centrocampo a quattro o a cinque. Giorgi, dunque, è pronto a rispondere presente per una possibile chiamata contro la Lazio. Ma è egli stesso ad ammettere che la condizione non è ancora delle migliori. "Non sono in grande forma, proprio per i motivi legati al trasferimento. Non ho fatto un precampionato completo, dato che inizialmente ero pure fuori rosa. Ma la disponibilità per domenica a giocare contro la Lazio da parte mia c'è".
Daniele Di Donato e Franco Brienza sono stati amici fondamentali che hanno sponsorizzato l'esperienza a Palermo. "Di Donato mi ha parlato benissimo di Palermo, si sente come a casa qui. In queste settimane, inoltre, ho sentito anche Brienza, è un valore aggiunto per qualsiasi squadra. È molto felice di essere tornato".
Chiusura dedicata allo sciagurato inizio dei rosanero in campionato. "Napoli? Non è stato un buon inizio, ma la squadra è nuova e con un allenatore nuovo. Ma da parte nostra, c'è voglia di migliorare". Già, migliorare. Con Perinetti e Sannino, per ripetere magari la favola Siena.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati