Truffa su trasferimenti e permessi: indagati tre vigili del fuoco

Il caso a Trapani: avrebbero sfruttato la legge che consente ai dipendenti pubblici di essere avvicinati a casa per assistere un parente ammalato senza averne i requisiti

TRAPANI. Tre vigili del fuoco del comando provinciale di Trapani sono indagati per truffa: sfruttando, pur non avendone i requisiti, la legge 104 del '92, che consente ai dipendenti pubblici di essere avvicinati a casa per assistere un parente ammalato, avrebbero saltato illegittimamente le lunghe graduatorie di rientro, penalizzando i colleghi piu' anziani e beneficiando di permessi dal lavoro retribuiti.    
Le indagini, avviate nell'ottobre del 2010 hanno accertato che uno dei tre vigili - a tutti sono stati notificati avvisi di garanzia -, invece di assistere il parente malato, nei giorni in cui beneficiava dell'assenza retribuita, di fatto effettuava traslochi; un atro aveva fatto ricoverare presso una casa di cura il padre malato e quindi non aveva bisogno di svolgere alcuna forma di assistenza. Il terzo vigile invece, trasferito sempre per poter assistere il padre malato, di fatto aveva ovviato a tali necessità prendendo in casa una badante.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati