Lo chef del Palermo: carni bianche prima della partita

PALERMO. Cosa possiamo trovare sulla tavola dei giocatori rosanero? A raccontare una giornata tipo è Dario Corso, chef del Palermo Calcio, che segue la squadra di Sannino durante il campionato e il ritiro. «A colazione non mancano mai spremuta d'arancia, fette biscottate con miele o marmellata, frutta, cereali; a metà mattinata, soprattutto se c'è l'allenamento i ragazzi possono mangiare della frutta. Il pranzo sarà leggero, con delle verdure crude, pasta e qualche fettina di bresaola o di fesa di tacchino. Più dolce lo snack pomeridiano - spiega lo chef - faccio trovare della crostata di frutta, ma senza burro o ancora frutta; e per cena verdure cotte, un secondo, pane e frutta».
Ma con il cambiamento di stagione cambia anche il menù. «D’estate si prevede l'utilizzo di cibi più freschi come le insalate di riso, e perché no, anche il gelato», spiega Leandro Carollo dietista della squadra. «Mentre d'inverno si preferisce delle minestre di legumi e qualche porzione di crostata di frutta in più». Il menù dei giocatori cambia anche prima di una partita: «In questo caso prevede un utilizzo di cibi altamente digeribili e facilmente assimilabili, come il riso e le carni bianche», chiarisce Scaluzero, il nutrizionista. «Nel post partita la priorità e quella di ripristinare la riserva di zuccheri del fegato per evitare la distruzione di massa muscolare per fornire energia e recuperare rapidamente i liquidi ed i sali persi, quindi si utilizzano cibi che inducano a bere e che aiutino a recuperare le molte energie sprecate; ad esempio la pizza, la pasta o il riso». AU.P.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati