Pepi: lo Zingaro, così dolce così violento Inaugurata la mostra a San Vito

Nell’ufficio turistico di via Savoia, a San Vito Lo Capo, è stata inaugurata la mostra fotografica «Lo Zingaro così...» di Giovanni Pepi. Immagini suggestive che Pepi ha scattato nella Riserva orientata tra Castellammare e San Vito Lo Capo, che è stata da pochi giorni devastata da un incendio dalle dimensioni impressionanti. Nelle foto di Pepi, ormai la memoria di ciò che è stato lo Zingaro e che dovrà tornare a essere. L’oasi appare un mix irresistibile di suggestioni. Ingresso libero. Fino al giorno 30. San Vito Lo Capo.
Ecco il testo scritto da Giovanni Pepi e posto all’inizio della mostra.

Lo Zingaro così. Dolce, violento. Dolce nei colori delle due cale di Uzzo entrando da San Vito. Nel verde smeraldo delle onde che giocano con l'azzurro, snobbando le macchie di alghe che tendono al nero. Dolce nel celeste imbiancato dai tappeti di ciotoli bianchi. Che, lunghissimi, dalla riva sprofondano nell'acqua e si popolano di saraghi giocosi. Violento nel blu del mare che vedi da Scopello sotto vertiginosi strapiombi. Un blu intenso, forte. Che muove sicuro e possente tra le scogliere scure. Dolce nei gialli ciuffi di disa che sono dappertutto. E che tutto irretiscono e ovattano, pure le rocce e i macigni. Violento nelle colline pietrose che si incrociano sfidando il cielo. Dolce nelle verdissime foglie dei mandorli che giocano con le brezze e nascondono rami e tronchi. Violento nei cardi spinosi.... Tanta natura dolce e violenta attrae. Seduce. Tra gli ultimi ospiti una coppia di aquile. Hanno costruito il nido nella roccia. Ma a poca distanza dal mare. Sorprendendo gli esperti. Sorprendersi perché ? Uno Zingaro così, introverso e fiero, affascina e incanta. Nel contrasto tra dolce e violento puoi immaginare una anima di segreti e misteri.....

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati