Raffadali, colpisce la madre a martellate e la riduce in fin di vita

Autore del folle gesto uno studente universitario di 30 anni che, per motivi ancora inspiegabili, ha ferito la donna alla testa che, in gravissime condizioni, è stata trasportata in elisoccorso al Civico di Palermo

RAFFADALI. Per motivi ancora inspiegabili, uno studente universitario di 30 anni ha colpito la madre a martellate, procurandole profonde ferite alla testa. E' accaduto in un'abitazione di Raffadali, nell'Agrigentino. La donna, in gravissime condizioni, è stata trasportata in elisoccorso al Civico di Palermo. Lo studente, di cui non è stato ancora reso noto il nome, è stato fermato.


Il trentenne fermato dai carabinieri con l'accusa di tentato omicidio, è Filippo Cuffaro. Stando alla ricostruzione dei militari dell'Arma, il giovane, all'alba, ha colpito ripetutamente alla testa, con un martello, la madre, Giuseppa Mangione, di 55 anni, mentre la donna era a letto e dormiva. I fatti si sono verificati nell'abitazione di via Madera. Il giovane, dopo l'aggressione è rimasto in casa, come se nulla fosse accaduto. A chiamare il 118 e i carabinieri è stato l'altro figlio della donna, che insospettito dal fatto che la madre non si alzasse è andato in camera da letto e l'ha trovata in una pozza di sangue. Quando i carabinieri sono arrivati, Filippo ha immediatamente confessato dicendo d'aver agito «per risentimento personale», perchè non veniva trattato bene dai genitori. Nei giorni scorsi, il giovane aveva anche tentato di aggredire il padre, ma quel tentativo non è stato mai denunciato. Il papà al momento dell'aggressione non era in casa perchè ricoverato in ospedale, ad Agrigento, per un ictus.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati