Misilmeri, si dimette il sindaco indagato

Piero D'Ai è coinvolto nell'inchiesta "Sima" per concorso esterno in associazione mafioso. Con lui lasciano anche gli assessori Pietro Carnesi, Nino Pizzo e Pietro Montanelli

MISILMRI. Il sindaco di Misilmeri (Palermo),  Piero D'Aì, ha rassegnato stamane le dimissioni dalla carica  che ricopre dal 2010. L'atto è stato firmato, spiega D'Aì in  una nota, in assenza del provvedimento di commissariamento da  parte del Consiglio dei ministri, «non ufficialmente notificato  in municipio».


Con il sindaco - indagato a Palermo nell'ambito  dell'inchiesta «Sisma» per concorso esterno in associazione  mafiosa - si sono dimessi anche gli assessori Pietro Carnesi,  Nino Pizzo e Pietro Montanelli.     D'Aì ha inoltrato una lettera al prefetto di Palermo,  Umberto Postiglione: «Lascio con l'amarezza nel cuore - scrive  -. Sono certo di non avere posto in essere un solo atto gradito  ai mafiosi. Ma purtroppo antagonisti politici hanno lavorato da  subito per fare di Misilmeri, e di un'esperienza pulita e  trasparente, un verminaio».     «Intimamente - conclude - mi sono ispirato agli insegnamenti  di un misilmerese come Rocco Chinnici, conosciuto da giovane, e  sono orgoglioso di avergli intitolato l'aula  consiliare». 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati