Usura ed estorsione, 4 arresti tra Enna e Catania

In manette sono finiti tre imprenditori agricoli ed un agronomo di Catania consulente di un istituto di credito

ENNA. Quattro persone, tre imprenditori agricoli della provincia di Enna ed un agronomo di Catania consulente di un istituto di credito, sono state arrestate dalla polizia con l'accusa di associazione per delinquere di tipo mafioso, nonché estorsione ed usura aggravate dall'avere agito con modalità mafiose. L'operazione, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Caltanissetta, è stata denominata in codice "Sole nero".
Le indagini hanno consentito di accertare che grazie alla mediazione dell'agronomo catanese, un imprenditore agricolo di Villarosa (EN) vicino al clan mafioso degli Emmanuello di Gela avrebbe concesso prestiti con interessi usurai del 120% ad un imprenditore di Catania in difficoltà economiche.
La vittima disperata si sarebbe rivolta ad un altro imprenditore agricolo di Enna, che grazie alla mediazione dello stesso agronomo, avrebbe procurato tramite suoi dipendenti, un altro prestito di 50 mila euro sempre a tassi usurai. L'uomo sarebbe stato invitato a saldare il debito con intimidazioni tali da convincerlo a mettere in vendita le sue proprietà.


GLI ARRESTATI -   Michele Cammarata, 49 anni, già condannato per mafia e ritenuto il cassiere della cosca ennese, Giuseppe Fascetto, 34 anni, Maurizio Nicosia, 49anni, vicino al clan Emanuello di Gela e l'agronomo e consulente bancario di Catania Giuseppe Torrisi, 46 anni.  Sono accusati di associazione mafiosa, estorsione e usura aggravate dall'avere agito con modalità mafiose.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati