Irfis, Maiolini è il nuovo presidente

La nomina per la società creata un anno fa dalla Regione per farne da braccio operativo economico è arrivata da Raffaele Lombardo. Designati anche gli altri due componenti del consiglio di amministrazione: Rino Giglione, che svolgerà le funzioni di vicepresidente, e Francesco Nicosia

PALERMO. Francesco Maiolini è il nuovo presidente dell'Irfis. Lo ha nominato il presidente della Regione, Raffaele Lombardo. Designati anche gli altri due componenti del consiglio di amministrazione: Rino Giglione, che svolgerà le funzioni di vicepresidente, e Francesco Nicosia. L’Irfis è una società finanziaria creata un anno fa dalla Regione. L’obiettivo del governo è quello di farne il braccio economico operativo della Regione, il canale da cui far passare tutti i finanziamenti e il credito agevolato destinati al mondo produttivo. In passato l’Irfis è stata una impresa bancaria legata a Unicredit ma dalla sua trasformazione ha anche cambiato nome: ora si chiama Irfis–FinSicilia.
La nomina di Maiolini è arrivata dopo una serie di rinvii andati avanti per un mese. Nei primi giorni in pole position per guidare l’Irfis è stato l’assessore all’Economia, Gaetano Armao. Poi le sue quotazioni sono scese, anche per effetto di alcune critiche piovute dal mondo imprenditoriale.
In realtà Lombardo ha dato un’altra chiave di lettura: «Avevo chiesto nei giorni scorsi la disponibilità per questo ruolo all'assessore Gaetano Armao, ma lui ha ritenuto opportuno, in questo momento di particolare difficoltà, restare alla guida dell'Economia. L'esperienza pregressa di Maiolini sarà sicuramente fondamentale per l'avvio delle attività dell'istituto che avrà una funzione fondamentale per l'economia siciliana».
Il neo presidente Maiolini ha espresso apprezzamento nei confronti dell'assessore Armao per l'impegno dimostrato nella creazione del nuovo soggetto finanziario. Maiolini è stato fino a metà maggio il direttore generale di Banca Nuova, l'istituto controllato dalla Popolare di Vicenza guidata da Gianni Zonin. Poi ha lasciato l’incarico dichiarando di cercare «nuove sfide».
Il vicepresidente Giglione è invece un dirigente regionale vicino all’area politica di Gianfranco Miccichè, anche per via di una parentela con l’ex assessore al Bilancio Michele Cimino. Mentre Franco Nicosia è un dirigente regionale che attualmente ha anche l’incarico di capo di gabinetto di Armao.
…………..

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati