Pd, resa dei conti sulle alleanze

Nel corso della direzione siciliana del partito si è finito per parlare soprattutto di alleanze e candidature alla presidenza della Regione. Gli attacchi di Crocetta al segretario, che a sua volta si è scagliato contro il capogruppo all'Ars sulla mozione di sfiducia a Lombardo

PALERMO. Era stata convocata dal segretario  regionale Giuseppe Lupo per discutere della mancata  calendarizzazione della mozione di sfiducia contro Lombardo  («un grave errore politico non discuterla»), ma nel corso  della direzione regionale del Pd si è finito per parlare  soprattutto di alleanze e candidature alla presidenza della  Regione. Il primo affondo è arrivato da Rosario Crocetta,  eurodeputato democratico e già in corsa per Palazzo d'Orleans,  che rivolgendosi a Lupo ha detto «Peppino, tu non puoi essere  al tempo stesso giocatore ed arbitro. Se ti vuoi candidare getta  la maschera e dillo chiaro e tondo, invece di fare melina sulla  mia candidatura. Io faccio le cose alla luce de sole, se ci sono  altri candidati facciamo le primarie».


Nel suo intervento, Lupo  aveva attaccato il capogruppo all'Ars Antonello Cracolici,  «colpevole» secondo lui della decisione della conferenza dei  capigruppo di non calendarizzare la mozione di sfiducia a  Lombardo. «In questo modo è stata disattesa la decisione della  direzione regionale del Pd», ha lamentato Lupo.  «La direzione del Pd non stabilisce il calendario dei lavori  d'aula - ha replicato Cracolici - così come il capogruppo del  Pd non decide gli ordini del giorno di Sala d'Ercole: per queste  cose ci sono un regolamento e un presidente dell'Ars.


La  polemica sulla mancata calendarizzazione della sfiducia a  Lombardo? Un polverone mediatico, il vero 'errore politicò è  spingere un pezzo degli elettori siciliani fra le braccia del  centrodestra». Quanto alla questione delle alleanze, Cracolici  ha osservato «io lavoro ad un'alleanza larga, se qualcuno  invece pensa ad un'alleanza di 'salute pubblicà che arrivi  magari anche al Pdl, si sappia che io non ci sto». Il  presidente della commissione regionale Antimafia Lillo Speziale,  rivolgendosi a Lupo ha poi sostenuto: «l'ultima assemblea del  Pd aveva deciso di nominare un direttorio per affiancare il  segretario regionale, che fine ha fatto questo organismo?». 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati