Corruzione, inchiesta grandi eventi La Regione vara una Commissione

Si occuperà di verificare le procedure di spesa nel settore. Ne fanno parte: il ragioniere generale, Biagio Bossone, con funzioni di coordinatore; il capo di Gabinetto vicario dell'assessore per l'Economia, Antonino Brunetto; i dirigenti del Dipartimento Bilancio, Maurizio Pirillo, Rossana Signorino e Gabriele Morreale

PALERMO. E' stata costituita con decreto dell'assessore per l'Economia, Gaetano Armao, una Commissione di verifica delle procedure di spesa nel settore dei 'grandi eventi'.
La commissione è composta dal ragioniere generale della Regione, Biagio Bossone, con funzioni di coordinatore; dal capo di Gabinetto vicario dell'assessore per l'Economia, Antonino Brunetto, dal dirigente del Dipartimento regionale Bilancio e Tesoro, Maurizio Pirillo, dalla dirigente del Dipartimento regionale Bilancio e Tesoro, Rossana Signorino e da Gabriele Morreale, in servizio presso lo stesso Dipartimento, con funzioni di segretario.
"Di fronte a quanto emerso dalle prime notizie sulla indagine della Procura 'Grandi Eventi' - ha detto Armao - la Regione vuole offrire il massimo contributo. Per questo motivo ho ritenuto di dover istituire con urgenza la commissione che dovrà concludere i suoi lavori entro e non oltre trenta giorni dall'emanazione del decreto, prorogabili su richiesta motivata del coordinatore di ulteriori trenta giorni".
"L'inchiesta giudiziaria - ha proseguito - procederà secondo i suoi tempi. L'amministrazione può nel frattempo agire immediatamente per verificare il corretto comportamento dei suoi funzionari. Questo interesse di carattere generale va tutelato in ogni caso. Qualora emergessero responsabilità amministrative a carico di qualche funzionario sleale o scorretto l'amministrazione assumerà i propri provvedimenti".


LEGALI GIACCHETTO: NESSUNA ISTANZA REVOCA SEQUESTRO. "Alla per nulla commendevole pubblicazione del contenuto di atti secretati si aggiunge quella di notizie certamente prive del minimo fondamento, riguardanti l'attività della difesa. Quest'ultima non ha avanzato allo stato alcuna istanza di revoca del sequestro perché è ancora in attesa di conoscere le ragioni che, a parere del pubblico ministero, dovrebbero giustificarlo". E' la posizione degli avvocati Fabrizio Biondo e Giovanni Di Benedetto, legali del manager Fausto Giacchetto coinvolto nell'indagine sulla gestione dei Grandi eventi finanziati dalla Regione siciliana, all'inchiesta sulle gare per l'affidamento dei lavori, tra cui la visita del Papa di due anni fa. L'indagine, coordinata dalla Procura di Palermo, ruota attorno a una serie di presunte turbative d'asta e corruzioni in cui sarebbero implicate altre sette persone tra le quali una parente di Giacchetto, un funzionario dell'assessorato regionale al Turismo, due suoi dipendenti e altri imprenditori.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati